Share

Torna la Maglia Nera al Giro d’Italia Under 23 , un omaggio alla storia di Giovanni Pinarello.

Per il secondo anno, Pinarello sarà sponsor della Maglia Nera del Giro d’Italia Under 23 Enel, in partenza il prossimo 7 giugno.

Per gli amanti del Giro, il termine Maglia Nera è sinonimo di Giro d’Italia 1951 e sarà associato per sempre al nome di Giovanni Pinarello. Una maglia porta fortuna, che a distanza di 67 anni offre a tutti i partecipanti l’occasione unica di celebrare e ricordare una delle storie più affascinanti del ciclismo italiano.

Giovanni «Nani» Pinarello nasce a Catena di Villorba il 10 Luglio 1922, ottavo di dodici fratelli. L’amore per le due ruote lo caratterizza sin da giovane e lo porta ad intraprendere una carriera da ciclista. I campioni dell’epoca si chiamano Fausto Coppi, Gino Bartali, Louison Bobet.
Ma è nel 1951 che Nani ha il suo personale appuntamento con il destino: si corre il Giro d’Italia numero 34, la corsa Rosa verrà vinta da Fiorenzo Magni, la classifica degli scalatori la vince invece il grande Louison Bobet. Ultimo arriva Giovanni, ma in quegli anni, ultimo non è un’onta, anzi, ultimo significa indossare la Maglia Nera. Giovanni amava raccontare le incredibili strategie che si attuavano per chiudere la classifica: noti casi di ciclisti che si attardavano forando appositamente le proprie ruote o si nascondevano in Bar o Fienili con lo scopo di perdere tempo per poi sbucare ultimi dietro al gruppo e finire la tappa…questo era decisamente un altro Ciclismo. Arrivar ultimi era infatti un momento di celebrità, significava far il giro d’onore con i Vincitori al velodromo del Vigorelli e Giovanni il 10 Giugno 1951 è infatti portato in trionfo a Milano tra Magni e Bobet.

Nel 1952, Giovanni sta per cominciare il Giro d’Italia ma all’ultimo momento deve lasciare il suo posto al giovane Pasqualino Fornara. Giovanni è deluso, ma la sua squadra gli offre 100.000 lire, somma importante per quei tempi per farsi da parte. Quei soldi decide di farli fruttare coronando il suo sogno: aprire un piccolo laboratorio per costruire Biciclette, siamo a Treviso nel 1953, è la nascita della Cicli Pinarello.

“Mio padre raccontava sempre con orgoglio di quella Maglia Nera aneddoti bellissimi, indossarla non era un’onta: nel Ciclismo non esiste mai l’ultimo classificato, ma semplicemente chi arriva dopo il vincitore, il nostro è uno sport unico per umanità e condivisione. Sono quindi molto felice di poterla reintrodurre, questa è una maglia che porta con sé grandi valori sportivi e sono certo che chi la indosserà non si sentirà mai l’ultimo. Gino Bartali, suo grande amico gli fece una dedica ancora oggi visibile nel negozio di Treviso che diceva: “Maglia Nera nel Ciclismo…ma Maglia Rosa nella Vita”.”
Fausto Pinarello

Oggi sotto la gestione di Fausto, Pinarello è presente in tutto il Mondo e rappresenta l’eccellenza assoluta nel settore delle due ruote. Bici di altissima gamma, sempre progettate e assemblate con la stessa passione a Treviso e capaci di soddisfare i clienti i più esigenti come i grandi campioni. Pinarello, attuale partner del Team SKY, vanta tra i suoi successi il record di vittorie al Tour de France, tredici in totale. Con Fausto, il sogno di Giovanni continua.

20/02/2018